Connettiti con noi

Notizie

Assassin’s Creed Shadows: connessione richiesta solo per l’installazione

Pubblicato

il

Assassin's Creed Shadows
Ubisoft chiarisce dopo la polemica

Servirà una connessione ad internet per installare Assassin’s Creed Shadows, ma, al di là di ciò, l’intero gioco può essere fruito offline. Questo l’annuncio di Ubisoft, dopo le voci degli ultimi giorni riguardanti un collegamento online continuo per tutta la durata dell’esperienza.

Dopo aver presentato Shadows, rivelando una coppia di protagonisti che unisce una shinobi e un samurai in azione durante il Giappone feudale del sedicesimo secolo, lo studio francese è intervenuto per sedare un’accesa diatriba. Le persone interessate al gioco, infatti, hanno notato alcune frasi sospette, tra le informazioni per i preorder, a proposito della connessione. Sembrava il gioco fosse giocabile solo restando perpetuamente online.

Questo ha scaldato gli animi dei fan della serie, considerando anche che Shadows, come i suoi recenti predecessori, sarà probabilmente un gioco single-player.

Anche lo store Sony, in questo senso, riportava la voce “Online play only”, poi corretta in “Online play optional”. Ciò ha contribuito alla confusione sull’argomento, risolta poi dal seguente tweet di Ubisoft:

Il messaggio va subito al sodo, evidenziando il fatto che la connessione non sarà obbligatoria in ogni momento, ma solo per l’installazione. I giocatori potranno godersi l’esplorazione del Giappone, e tutta l’avventura, completamente offline.

Il team di sviluppo, infine, condivide l’emozione di portare Assassin’s Creed nel paese del Sol levante, e ricorda la data d’uscita fissata per il 15 novembre di quest’anno.

Shadows fa già discutere, e molto

La polemica sul collegamento internet non è l’unica emersa: in pochi giorni, infatti, il titolo è stato oggetto di numerosi scambi di opinione a proposito di alcune scelte riguardanti i protagonisti e la correttezza storica.

Alcuni utenti hanno considerato lo studio “offensivo verso la cultura giapponese” a causa del colore della pelle del protagonista maschile, Yasuke. Avrebbero preferito, infatti, un personaggio di origine nipponica.

Altri utenti hanno, invece, sottolineato una presunta inesattezza storica riguardante sempre lo stesso personaggio. Yasuke, infatti, è realmente esistito e l’errore risiederebbe nel fatto che non si trattava di un samurai, bensì di una figura assimilabile a quella di un servitore. Sulla faccenda, però, ci sono anche interventi come quello di Sallymander40k che sottolineano come il personaggio in questione fosse realmente un samurai.

Assassin's Creed Shadows Protagonists

Yasuke e Naoe compongono il duo protagonista di Assassin’s Creed Shadows.

Infine, anche Shadows viene accusato di alimentare la cultura woke a causa (ancora) del colore della pelle di Yasuke, e di Naoe (protagonista femminile) per il semplice fatto di essere donna.

Vedremo quali saranno gli sviluppi, ove mai dovessero esserci! Intanto, in calce, lasciamo il trailer d’annuncio ufficiale del gioco Ubisoft.

Fonte :
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

follow us

Trending